12
LUG
2013

CNR a Foggia, martedì prossimo la convenzione in Consiglio comunale. Ieri nuovo sopralluogo tecnico nel Centro Servizi di viale Fortore.

Martedì 16 luglio prossimo il Consiglio comunale è chiamato a discutere la convenzione che concede in comodato al Consiglio Nazionale delle Ricerche, per trent’anni, la gestione del Centro Servizi del Distretto Agroalimentare del Tavoliere. Proprio ieri pomeriggio, l’assessore alla Qualità e all’Assetto del Territorio Augusto Marasco, l’assessore al Bilancio e Patrimonio Rocco Lisi e il dirigente del PIT1 “Tavoliere” Carlo Dicesare hanno accompagnato il professor Francesco Loreto e il dottor Domenico Pignone, direttori, rispettivamente, del Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari e dell’Istituto di Genetica Vegetale, in una visita ai locali che dovranno ospitare le celle e altri impianti utili alle attività di ricerca e sperimentazione. L’IGV diretto da Pignone si trasferirà da Bari a Foggia, rilanciando la banca del germoplasma che il presidente del CNR, Luigi Nicolais, definì tre mesi «un capitale scientifico unico in Italia e al mondo», sottolineando il vantaggio dello «sfruttamento delle accessioni, preminentemente riguardanti il comparto cerealicolo, anche da parte dei colleghi del CRA di Foggia e dell’Università di Foggia, in una rete integrata centrata appunto sul Centro Servizi DAT». Il DiSBA diretto da Loreto dovrebbe, in particolare, stabilire a Foggia le attività dell’Istituto di Biometeorologia connesse alla previsione della produzione e qualità del frumento duro, basata su una serie di codici di calcolo, un database agronomico, interfacce dati avanzate, una rete proprietaria di stazioni metereologiche in Capitanata e accordi bilaterali con i servizi meteo regionali di Puglia, Basilicata, Marche e Toscana.

Autore: Giovanni Dello Iacovo