Collegamento ferroviario Bari-Roma, il sindaco Landella contrario all’ipotesi di bypassare la stazione di Foggia

Stazione_Foggia

«Considero opportuno e doveroso sollecitare ai vertici di Ferrovie dello Stato un confronto di merito sui programmi e sulle scelte che si intende mettere in campo e che riguarderanno la stazione ferroviaria di Foggia. Si tratta infatti di decisioni che assumono una rilevanza strategica per la nostra città e per il sistema trasportistico provinciale e regionale e che devono necessariamente tenere conto delle peculiarità del territorio». È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, alle dichiarazioni del nuovo Amministratore Delegato di “Ferrovie dello Stato”, Michele Elia, con riferimento agli interventi che interesseranno i collegamenti su rotaia con Roma.
«L’ipotesi di “aggirare” la fermata di Foggia sulla tratta Bari-Roma è dal mio punto di vista pericolosa e sbagliata, tanto nel merito quanto nel metodo adottato – spiega il sindaco di Foggia –. Da questo punto di vista è auspicabile e doveroso attivare un’interlocuzione con le rappresentanze istituzionali del territorio, anche al fine di comprendere e valutare le ricadute di una prospettiva che va scongiurata».
«Mi associo alla preoccupazione espressa dai rappresentanti istituzionali della Capitanata, che con senso di responsabilità hanno evidenziato il loro dissenso rispetto ad una scelta che baratterebbe qualche minuto in più nella durata del viaggio Bari-Roma con la centralità della città di Foggia, che nella rete ferroviaria italiana ha storicamente rivestito un ruolo strategico – afferma Landella –. Proprio sui temi della mobilità, ai quali sono strettamente legate occasioni di sviluppo e di crescita economica per Foggia e per la Capitanata, è fondamentale non abbassare la guardia e, contestualmente, richiedere un confronto di merito sui programmi e progetti».
«Da questo punto di vista, Foggia non può in alcun modo essere bypassata nei collegamenti con Roma. È mia intenzione attivarmi rapidamente sollecitando un incontro al neo Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato, in modo da conoscere le prospettive di intervento immaginate per la nostra stazione ferroviaria – conclude il sindaco di Foggia –. Come accaduto per la vicenda che riguarda la piena operatività dell’aeroporto “Gino Lisa”, coinvolgerò in questo percorso tutte le rappresentanze istituzionali del territorio, confermando l’unità di visione e di obiettivi della Capitanata».