Contributi servizio mensa nelle scuole dell'infanzia tagliati dalla Regione

L’Ufficio Diritto allo Studio della Regione, con una comunicazione ufficiale datata 17/12/2014 e inoltrata a tutti i Comuni di Puglia, ha reso noti i contenuti della Deliberazione n. 2632 della Giunta Regionale datata 16 dicembre, con la quale è stato approvato il Piano regionale di riparto per il Diritto allo studio anno 2014 e per gli interventi riguardanti le Scuole dell’infanzia paritarie senza fini di lucro convenzionate con i Comuni.
A queste ultime, sono stati assegnati i contributi di gestione ma anche -nel caso di Comuni che assicurano direttamente il servizio mensa nelle scuole paritarie come nelle statali- i contributi per il servizio mensa. Circostanza che non si pone per Foggia che vedrà, così, eliminati i contributi per il servizio mensa nelle scuole paritarie.
Per di più, sono stati notevoli i tagli dei fondi assegnati quest’anno dalla Regione.
Per la precisione, per le scuole materne comunali da Via Capruzzi -a fronte dei 72.664 € stanziati lo scorso anno- giungeranno 40.000 € (un taglio del 44,9%).
Per le paritarie, rispetto ai 135.110 €, arriveranno, quest’anno, 77.334 € (un taglio del 42,76%).
Il contributo del Comune alla gestione delle scuole per l’infanzia, invece, rimarrà quest’anno invariato. Ma la contrazione dei contributi regionali provocherà sicuramente gravi difficoltà.
«Comprendiamo», commenta l’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Carla Calabrese, «che la situazione di crisi diffusa imponga risparmi nella spesa pubblica e che i tagli operati dalla Regione derivino da quelli statali. Ma, continuando a colpire un settore fondamentale per lo sviluppo della società, come la Scuola -di qualsiasi ordine e grado- si determineranno seri danni a lunga scadenza sul livello culturale medio e sulla preparazione specifica degli Italiani. L’auspicio è che Stato e Regione operino, per il futuro, una decisa inversione di tendenza».