Disservizi nella partenza del collegamento aereo Foggia-Mostar, il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella

«Considero gravissimo quanto accaduto questa mattina all’aeroporto “Gino Lisa”. I problemi di natura tecnica, tutti ascrivibili alla responsabilità della società “Aeroporti di Puglia”, che hanno provocato un rilevante ritardo nella partenza del volo per Mostar e che hanno rischiato addirittura di comprometterne l’esecuzione esigono una risposta da parte di chi ha il compito e l’onere di guidare la società di gestione degli scali pugliesi». È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, ai disservizi che questa mattina hanno ritardato la partenza del primo volo dei nuovi collegamenti tra Foggia e Mostar organizzati dal tour operator “Gtours”. «Stamani mi sono recato in aeroporto per portare anche fisicamente il sostegno e la presenza dell’Amministrazione comunale in occasione di un evento importante e qualificante per l’intero territorio provinciale – dichiara il sindaco di Foggia –. Quella di oggi doveva essere una giornata di festa, mentre la superficialità della società “Aeroporti di Puglia” ha rischiato di trasformarla in un inizio tutt’altro che positivo, provocando un disservizio ai passeggeri che avevano riempito il volo inaugurale di questa nuova tratta e arrecando un danno d’immagine al tour operator che con impegno, passione e coraggio ha scommesso sullo scalo della Capitanata».

«È mia intenzione trasmettere immediatamente all’Amministratore Unico di “Aeroporti di Puglia”, Giuseppe Acierno, una lettera di indignazione rispetto a quanto avvenuto, di cui dovrà spiegarci i motivi in modo credibile e non generico. È infatti intollerabile che, pur sapendo per tempo della partenza del primo volo prevista stamani, “Aeroporti di Puglia” non abbia messo il “Gino Lisa” nella condizione di funzionare in modo impeccabile – rileva il primo cittadino –. Per anni dalla Regione Puglia ci è stato raccontato che la mancata funzionalità del nostro aeroporto era legata alla scarsa preparazione del territorio, con particolare riferimento alla sua componente imprenditoriale. Oggi che i nostri imprenditori hanno dimostrato di essere all’altezza della sfida, il sostegno tecnico di “Aeroporti di Puglia” si è rivelato a dir poco imbarazzante, confermando plasticamente la fondatezza dell’assenza di fiducia che la comunità della provincia di Foggia nutre nei confronti degli organismi regionali che si occupano della vicenda legata all’operatività del nostro scalo. A Filippo Guglielmi e a tutti i passeggeri del volo per Mostar voglio esprimere la mia solidarietà personale ed istituzionale per quanto accaduto. Desidero inoltre ringraziare il personale di “Aeroporti di Puglia” che pur essendo in cassa integrazione si è recato presso il nostro aeroporto rendendo possibile la partenza del volo. Una dimostrazione di serietà, responsabilità e amore per il territorio – conclude il sindaco di Foggia –. Giovedì prossimo, quando incontrerò Giuseppe Acierno, ragionerò con lui anche di questo episodio di malagestione del nostro scalo, che spero non si ripeta in futuro. Il territorio sta facendo la sua parte per dare al “Gino Lisa” la piena operatività e per mettere questa strategica infrastruttura al servizio dello sviluppo della Capitanata. Pretendiamo che “Aeroporti di Puglia” faccia lo stesso».

"Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso."

Leggi