“Gino Lisa”, Landella: «Grazie al Viceministro dei Trasporti sono stati fugati i dubbi sull’iter per chiedere l’inserimento del nostro aeroporto tra gli scali di interesse nazionale»

«Voglio esprimere un sincero ringraziamento al Viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, che con la sua visita a Foggia e le parole di verità pronunciate sulla vicenda del mancato inserimento dell’aeroporto “Gino Lisa” nell’elenco degli scali di interesse nazionale, ha creato le condizioni affinché la Regione Puglia, finalmente, formulasse in modo formale questa istanza al Ministro Maurizio Lupi». È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, alla lettera con la quale il Governatore della Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto ufficialmente al Ministero dei Trasporti l’inserimento dello scalo aeroportuale della provincia di Foggia nell’elenco degli aeroporti di interesse nazionale.

«La conferenza stampa tenuta dal Viceministro ai Trasporti a Palazzo di Città ha fugato tutti i dubbi e smentito tutte le ricostruzioni strumentali circolate dopo l’incontro avuto, assieme al presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca, con l’On. Nencini – dichiara il sindaco di Foggia –. Un incontro nel quale fu sottolineata a chiare lettere la necessità di un’istanza formale da parte della Regione Puglia per avviare il percorso di inserimento dell’aeroporto “Gino Lisa” nell’elenco degli scali di interesse nazionale. Purtroppo a quella notizia il governo regionale rispose con una nota di poche righe trasmessa al Ministero, nella quale, tra l’altro, si avanzavano perplessità sulla veridicità della comunicazione del Viceministro».

«L’istanza firmata dal presidente della Regione Puglia ed inviata al Ministero dei Trasporti nei giorni scorsi conferma dunque quanto sostenemmo io ed il presidente Porreca al ritorno da Roma, oltre a certificare come la nota di poche righe pubblicizzata qualche mese fa non potesse essere considerata in nessun modo una richiesta ufficiale, dal momento che non ne aveva né le caratteristiche né il contenuto – aggiunge il primo cittadino –. Oggi possiamo quindi dire con soddisfazione di essere riusciti ad ottenere un importante risultato, per il quale sono state fondamentali la collaborazione istituzionale del presidente Porreca e la passione manifestata dal mondo dell’associazionismo che ha tenuto e continua a tenere alta l’attenzione su questo tema. La battaglia non è però ancora terminata – conclude il sindaco di Foggia –. La provincia di Foggia aspetta adesso che il Ministero ascolti con attenzione le ragioni del territorio e che la Regione Puglia confermi la difesa della funzione e del ruolo dell’aeroporto “Gino Lisa” anche in sede di Conferenza Stato-Regioni, dove il Piano redatto dal Ministero dei Trasporti sarà discusso».