I complimenti del sindaco Franco Landella a Davide Grittani, Mara Mundi e Benedetta Mancusi

«È con grande orgoglio -scrive il Sindaco- che porgo a Davide Grittani i più vivi complimenti per il prestigioso risultato, che non giunge per caso, ma è il frutto di una attività letteraria di pregio affiancata all’impegno giornalistico, che hanno reso Davide protagonista nel panorama culturale del nostro territorio -e non solo- negli ultimi decenni.

Con la sua abituale modestia, Grittani ha voluto già esprimere le dediche per il risultato raggiunto perché, ha detto, “So che le dediche se le può permettere solo chi vince, ma proprio perché non esiste nessuna possibilità che ciò accada mi piace dedicare questa emozione a mia madre”. Ma noi contiamo che la Giuria si faccia conquistare da questo racconto che è ambientato per la gran parte a Foggia, che con le sue strade e il suo dialetto ed uno dei suoi autori più in gamba, irrompe per la prima volta nella fase decisiva più prestigioso tra i premi letterari italiani.

È un momento di fermento culturale importante per la nostra città e questo considerevole traguardo non giunge a caso e, anzi, arricchisce una città che sta producendo, anche con il concorso dell’Amministrazione che rappresento, un particolare sforzo e lusinghieri risultati proprio sotto questo profilo. Sono anche felice che un’altra foggiana, Benedetta Mancusi –già studentessa del Liceo “Lanza” e attualmente iscritta all’Università in Inghilterra- abbia raggiunto la semifinale del Premio Campiello Giovani 2017 col suo racconto “Il giorno prima di domenica” e ancora che un’altra foggiana, Mara Mundi, che apprezziamo come giornalista, blogger e scrittrice, rappresenti la nostra città al Premio Strega Ragazze e Ragazzi, stavolta però nel Comitato Scientifico. Anche a loro vanno le più sentite congratulazioni.

Nell’attesa di poterli incontrare, formulo a loro le felicitazioni a nome anche di Foggia e dei Foggiani, lasciando aperto il cuore alla speranza che con Davide Grittani e Benedetta Mancusi potremo commentare un esito ancora più entusiasmante e, comunque, meritato».