Il sindaco di Foggia, Franco Landella, e l’Amministrazione comunale hanno ricordato la figura di Leonardo Biagini

«Leonardo Biagini era una persona generosa, una persona con tanta energia e voglia di fare, che si prodigava per gli altri e che cercava in tutti i modi di lavorare per la sua città. Il 25 ottobre del 2004 è una data molto triste per questa città. Ricordo che Leonardo portava in Consiglio comunale tante battaglie, innalzando il principio di legalità che anche questa Amministrazione intende portare avanti». Così il primo cittadino di Foggia, Franco Landella, accompagnato dal Consigliere comunale Salvatore de Martino, ha voluto ricordare Leonardo Biagini, scomparso prematuramente dieci anni fa. Il sindaco, a nome dell’intera Amministrazione comunale, ha donato alla famiglia di Leonardo Biagini una targa con la frase che ricorda l’impegno politico e professionale del giovane Consigliere che recita: “Nella battaglia per la giustizia gli uomini giusti vivono. Per sempre”.

«Dieci anni fa non è stato ferito a morte solo un uomo per bene, un professionista serio e valido, un amico, un buon padre di famiglia – ha detto il primo cittadino durante la cerimonia svolta questa mattina a Palazzo di Città –. Sono stati colpiti anche gli Enti Locali, gli amministratori e tutta la città. Ricordo che Foggia reagì con decisione a quell’episodio che scosse tutta la comunità cittadina, non solo quella politica e istituzionale. Ma a distanza di dieci anni c’è ancora tanto da fare per sconfiggere il malaffare, che ancora circonda la nostra città. Un cancro che va estirpato con ogni mezzo. Si tratta di una minoranza – prosegue Landella – che dobbiamo isolare e che non può condizionare la parte sana della nostra città, composta da donne e uomini di sani principi. È la battaglia che combatteva e che avrebbe continuato a combattere anche oggi Leonardo Biagini, ed è la battaglia che faremo noi».