Incontro tra il sindaco Landella ed una delegazione del “Direl” sulla riorganizzazione della tecnostruttura di Palazzo di Città

Il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha incontrato questa mattina una delegazione della Direl – il sindacato della dirigenza e dei quadri degli Enti locali, maggiormente rappresentativo nel comparto  della pubblica amministrazione – guidata da Micky de Finis. Al centro del lungo confronto, durato oltre un’ora e svoltosi in un clima di piena collaborazione e di massima cordialità, i provvedimenti firmati ieri dal primo cittadino inerenti la riorganizzazione della tecnostruttura, con particolare riferimento alla rotazione dei livelli dirigenziali apicali.
Il sindacato ha ricevuto ampie rassicurazioni circa il carattere di temporaneità degli atti disposti in via d’urgenza dal sindaco, che sono da considerare quindi propedeutici alla riorganizzazione della macrostruttura e dei servizi dell’Ente di Palazzo di Città, già nell’agenda del primo cittadino. Sul punto Landella ha assicurato tempi celeri, accogliendo il limite massimo di tre mesi indicato dal sindacato e necessario per costruire un ridisegno strutturale dell’Ente che vedrà la Direl essere parte attiva della discussione e dell’interlocuzione con l’organo di governo comunale.
Il sindacato, per parte sua, ha riconosciuto le ragioni dell’urgenza posta a base degli atti con i quali il sindaco di Foggia ha varato lo spostamento dei dirigenti, anche sulla base delle prerogative conferite al primo cittadino dalla legge.
«L’incontro di oggi ha chiarito alcuni punti sui quali era in campo un confronto con la Direl, come era naturale che fosse, al fine di migliorare l’efficienza della macchina amministrativa e, dunque, l’efficacia dei servizi erogati dal Comune di Foggia – commenta il sindaco Landella –. Quella che abbiamo di fronte è una sfida ambiziosa per il cambiamento, che coinvolge e riguarda non solo la politica ma anche la tecnostruttura dell’Ente e quindi il sindacato».
«Apprezziamo la ripresa delle relazioni sindacali promossa dal sindaco Landella – precisa De Finis – che colma un vuoto rispetto a quanto accaduto nel recente passato. Siamo soddisfatti delle rassicurazioni ricevute in ordine alle questioni che avevamo posto e ora siamo convinti che ci siano le condizioni per dar vita ad una proficua stagione di cooperazione nell’interesse della città – sottolinea il sindacato –. Nei prossimi mesi saremo pronti a partecipare alla discussione sulla nuova organizzazione dei servizi e anche sull’attivazione di strutture importanti come il Comitato dei Garanti e il Comitato Anti-Mobbing, strumenti intorno ai quali sino ad oggi abbiamo dovuto registrare il silenzio più assoluto».

"Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso."

Leggi