Nuova Isola Pedonale di via Lanza, il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, al risultato del sondaggio realizzato dal Wwf Foggia

«I risultati del sondaggio realizzato dal Wwf Foggia con riferimento al gradimento dell’allargamento dell’Isola Pedonale da parte dei cittadini confermano quello che sapevamo e che, peraltro, è emerso nel periodo compreso tra l’istituzione della nuova zona interdetta al traffico veicolare ed oggi attraverso la sua massiccia frequentazione e la sua valorizzazione con l’organizzazione di eventi, iniziative e manifestazioni. È una conferma importante, che ci consegna la cifra positiva del provvedimento assunto dall’Amministrazione comunale». È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, ai risultati del sondaggio on-line prodotto dal Wwf Foggia con riferimento al gradimento dell’allargamento dell’Isola Pedonale da parte dei cittadini.
«Ovviamente si tratta di un sondaggio complesso, che ha affrontato anche il tema del gradimento del nuovo sistema di viabilità e che per ammissione stessa di chi lo ha elaborato non può esprimere un valore statistico attendibile, essendo stato realizzato on-line, quindi avendo escluso dal pronunciamento quella fetta di cittadini che non ha confidenza con le nuove tecnologie – dichiara il sindaco di Foggia –. Come è stato dimostrato nel corso del lasso di tempo compreso tra l’istituzione della nuova zona interdetta al traffico veicolare ed oggi, la nostra idea resta quella di migliorare l’impatto dell’allargamento dell’area pedonale sulla sua fruizione da parte della comunità e, ovviamente, sulle dinamiche di viabilità cittadina. Quindi l’esatto contrario di un’azione “blindata” o immodificabile. È evidente, tuttavia, che i benefici derivanti da questo intervento appaiono già oggi significativi: dalla diminuzione dei tempi di percorrenza verso la stazione ferroviaria e verso gli Ospedali Riuniti al sensibile abbattimento dell’emissione di polveri sottili derivante dall’abolizione delle code ai semafori che si registravano prima dell’ampliamento della zona pedonale – sottolinea il primo cittadino –. Tutti effetti positivi, il cui valore è con ogni evidenza di gran lunga superiore ai disagi in via Santa Maria della Neve ed in via Diomede che, giova ricordarlo, esistevano in misura massiccia anche prima della chiusura al traffico di via Lanza».
«Da questo punto di vista, così come certificato dal Comando della Polizia Municipale ed al netto delle strumentalizzazioni compiute da alcuni soggetti politici, nell’area che si sviluppa attorno alla nuova Isola Pedonale il numero di incidenti è diminuito rispetto al periodo precedente – specifica il sindaco di Foggia –. Un dato, questo, che contraddice in radice l’idea che l’interdizione al traffico veicolare di via Lanza abbia creato un caos pericoloso per l’incolumità dei foggiani».
In merito all’andamento complessivo della circolazione stradale veicolare nelle zone limitrofe alla nuova area pedonale, infatti, non sono emersi profili di criticità, se non rallentamenti in corrispondenza dell’intersezione di piazza Cavour con via Torelli, nonché lungo via Diomede nelle ore e nelle giornate in cui si verifica il picco di frequentazione di pedoni delle aree pedonali contigue di corso Vittorio Emanuele e via Lanza. Sullo stesso corso Garibaldi non ha inciso negativamente l’istituzione del doppio senso di marcia, anche in considerazione della preesistente corsia bus. La circolazione si è rivelata scorrevole anche su corso Cairoli e su via IV Novembre, sulle quali è stato istituito il doppio senso di marcia. Su corso Giannone, inoltre, la circolazione è stata sino ad ora scorrevole, non sussistendo il rallentamento dovuto al ciclo semaforico di piazza Cavour.
«Il rilievo relativo alla carenza di parcheggi è poi a mio avviso poco fondato se si pensa che proprio nell’area del centro cittadino sono presenti tre parcheggi coperti (Zurretti, Ginnetto e Vincenzo Russo) che, se utilizzati, risolverebbero rapidamente ed efficacemente il disagio lamentato da una parte minoritaria dei partecipanti al sondaggio del Wwf. Quanto alla proposta di revisione del Piano del Traffico Urbano Generale avanzata dal Wwf, che conteneva cambiamenti tali da stravolgere letteralmente il sistema della viabilità cittadina, intervenendo, tra l’altro, su via Matteotti e corso Giannone, ricordo che fu trasmessa alla competente Commissione consiliare per la sua analisi e la relativa discussione – precisa il primo cittadino –. È infatti con l’organismo consiliare competente sulla materia specifica che va sviluppato il confronto, in una logica di rispetto e riconoscimento del ruolo e della funzione dei massimi rappresentanti della volontà popolare».