Piano abbattimento barriere architettoniche

Una città inclusiva è anche una città accessibile a tutti, una città tale da poter essere vissuta e fruibile in ogni sua parte.
Il grado di civiltà di una collettività si misura anche in base alla capacità e perseveranza che essa pone nell’abbattere le piccole e grandi barriere immateriali, alle quali si sommano quelle materiali rese dalle difficoltà di piena fruizione degli spazi e luoghi pubblici, soprattutto da parte di chi vive difficoltà fisiche.

Tutto ciò richiede un radicale cambio culturale ed un grande e costante senso di educazione civica e rispetto per ciò che appartiene a tutti ovvero proprio gli spazi ed i luoghi pubblici.

La strategia che intende perseguire la Amministrazione Comunale è quella di rendere continuativo e radicato nel tempo un processo di sensibilizzazione, a partire, per quanto nelle proprie competenze, da azioni di interventi concreti per la risoluzione di criticità connesse alla fruizione degli spazi e degli edifici di proprietà.

Intendimento della Amministrazione Comunale è rendere il Piano per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche non una semplice sommatoria di interventi, bensì un più articolato processo che metta a sistema, intorno al tema della accessibilità, modalità di trasporto – servizi pubblici – luoghi pubblici.

In questo senso, il lungo percorso per la redazione del Piano per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche, ha visto il suo avvio con i primi interventi per l’adeguamento dei servizi igienici dei plessi scolastici di proprietà comunale, e prosegue oggi con la individuazione partecipata delle situazioni sulle quali intervenire, che andrà a costituire non solo il sistema delle conoscenze necessario per il PEBA, bensì vere e proprie segnalazioni rispetto alle quali, nonostante il noto limite delle risorse finanziarie a disposizione della Amministrazione, si attiveranno immediati e concreti interventi.

Cliccando sul tasto alla fine del presente testo si verrà indirizzati ad una specifica sezione di partecipazione.

Chiunque potrà segnalare casi, situazioni inerenti difficoltà di fruizione, presenza di barriere architettoniche riferiti a strutture e luoghi pubblici, attraverso un semplice format che prevede solo la descrizione della segnalazione, una o più foto e la ubicazione della criticità.

Le stesse segnalazioni potranno altresì essere inviate alla Amministrazione attraverso cellulari e tablet mediante la applicazione Pubblicapp! scaricabile negli store informatici, attivando la specifica sezione “segnalazioni”.

Ci siamo dunque! E l’ulteriore passo in avanti è questo affidamento di incarico, fatto alla intera città, per il monitoraggio e la costituzione della banca dati delle criticità.

I dati che grazie all’apporto dei cittadini saranno raccolti costituiranno il sistema delle conoscenze da porre a base della redazione della parte finale del Piano che interverrà sul sistema dei Servizi.

 

 


"Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso."

Leggi