Piazza Lanza

DALLA VISION AI CONTRIBUTI AL PROGETTO

vecchia-lanza

IL CONCEPT

Il progetto parte dall’intenzione di preservare l’identità storica di questa strada attraverso la valorizzazione dell’asse longitudinale che la caratterizza. L’intera scansione spaziale consiste proprio nello sviluppo di linee parallele all’asse dell’attuale marciapiede. Queste vanno a formare quattro fasce funzionali distinte:

  1. una delimitata delle attività commerciali e dal filo interno delle attuali aiuole riservata al passeggio;
  2. una che individua l’allargamento in senso trasversale delle preesistenti aiuole, per un aumento della superficie verde e l’installazione di panche lungo bordi dei lati lunghi delle stesse aiuole
  3. una dalla pavimentazione analoga alla precedente, ma riservata al passeggio
  4. una centrale larga almeno 7 metri destinata al passeggio e al passaggio dei mezzi autorizzati in caso di necessità o emergenza.

Tutte queste fasce saranno poste su di un unico livello, lo stesso di piazza Giordano e dell’attuale marciapiede (+0,15 m), in modo da avere un continuum spaziale, una sorta di agorà filiforme priva di barriere e ostacoli. L’allargamento delle aiuole consentirà di ottimizzare considerevolmente il sistema di smaltimento delle acque meteoriche per via dell’aumento della superficie permeabile. Lungo i bordi della fascia comprendente il verde e sedute (fascia 2) saranno predisposte delle canalette attraverso le quali l’acqua piovana sarà condotta all’interno delle aiuole.

FUNZIONI

FUNZIONI-ACCESSIBILITA

ACCESSIBILITÁ

L’intera pavimentazione sarà posta su di un unico livello, alla stessa quota di Piazza Giordano e degli attuali marciapiedi (+ 0,15 m) e sarà collegata al livello stradale tramite rampe, in modo da facilitare l’accesso alle persone disabili e ai mezzi autorizzati.

La predisposizione di apposite guide tattili a terra permetterà la libera fruizione dello spazio da parte di ciechi e ipovedenti. In corrispondenza degli sbocchi stradali di via S. Maria della Neve, di Piazza Cavour, di via Vincenzo della Rocca e di via Diomede saranno previste delle zone di deposito per le biciclette tramite elementi portabici. Sul lato sud dell’area, sarà inserita una piccola area di parcheggio con cinque posti auto.

VERDE

verde1

verde2Per quanto riguarda il sistema del verde, le aiuole previste nel progetto saranno ricavate da un ampliamento significativo delle preesistenti e dall’introduzione di ulteriori nuove secondo una scansione modulare dal ritmo armonico.

L’orientamento trasversale di queste superfici verdi, analogo a quello delle profonde panche monoblocco, in contrasto con quello longitudinale della strada, inviterà il pedone alla sosta e al riposo vicino alle aiuole fiorite e all’ombra delle alberature.

L’aumento della superficie verde contribuirà positivamente alla permeabilità del suolo soprattutto nel caso di ingenti eventi meteorici.

SOCIALIZZAZIONE

SOCIALIZZAZIONE

Questo grande salotto policentrico, sarà un punto di ritrovo e di incontro per l’intera collettività. La ripavimentazione in pietra, la dotazione di sedute e il potenziamento del verde andranno a creare uno spazio elegante, un profondo boulevard che farà da sfondo al passeggio e che contribuirà positivamente dal punto di vista dell’attrattività e dell’accoglienza del centro storico del capoluogo dauno. Tutta questa operazione valorizzerà considerevolmente le attività commerciali che si affacciano sull’area di progetto.

EVENTI

L’ampiezza della fascia centrale della pavimentazione prevista consentirà di predisporre stand e piccoli palchi in occasione di particolari eventi (mercatini natalizi, spettacoli, iniziative varie) senza ostacolare il passaggio dei mezzi di soccorso e dei veicoli autorizzati per operazioni di carico e scarico merci. La nuova sistemazione di via Lanza, come accennato sopra, darà molto risalto alle attività commerciali presenti, in particolar modo in occasione del periodo dei saldi.

MATERIALI E SPECIFICHE TECNICHE

Per la pavimentazione di via Lanza sono stati scelti materiali locali al fine di valorizzare i caratteri identitari della tradizione pugliese. Le qualità di scelte saranno le seguenti:

  • pietra di Apricena color beige con efflorescenze rosa bruno in lastre di formato quadrato 20×20 cm per una superficie complessiva di 1.438,81 mq per la fasce a diretto contatto con i negozi, dalla larghezza variabile;
  • pietra di Apricena di color beige chiaro di formato rettangolare 20×40 cm per una superficie complessiva di 1.140,30 mq per le fasce destinate ad ospitare le aiuole e le sedute monolitiche, larghe 2,40 m, e per le fasce dedicate al passeggio, larghe 1,20 m (su entrambi i lati della strada) e 2,90 m (solo in corrispondenza dei portici all’inizio di via Lanza);
  • basole in pietra calcarea locale per la fascia destinata a consentire il passaggio dei mezzi autorizzati, larga 7,00 m, per una superficie complessiva di 2.119,67 mq;
  • pietra di Trani in lastre larghe 20 cm (per una superficie di circa 102 mq) e 30 cm (per una superficie di circa 155 mq) per le fasce che andranno a delimitare le diverse aree pavimentate prima citate. Per queste fasce è prevista una lavorazione speciale per ottenere delle canalette per il deflusso delle acque meteoriche. In corrispondenza dei lati brevi delle aiuole saranno montate in maniera inclinata delle fasce da 30 cm (per una superficie totale impiegata di 46 mq) in modo da permettere al flusso delle acque meteoriche di convergere all’interno delle aiuole.

Per inquadrare la fascia centrale carrabile saranno riutilizzati i cordoni in pietra lavica ancora in buono stato degli attuali marciapiedi per una lunghezza complessiva di 536,84 m. Quest’azione, oltre ad essere un buon esempio di riciclo dei materiali di scarto, mira a rappresentare simbolicamente la memoria storica del marciapiede della vecchia Piazza Lanza.
Lungo i bordi esterni dell’area pavimentata saranno disposti dei cordoni in pietra di Apricena larghi 30 cm per una lunghezza complessiva di 90 m.
La fascia di pavimentazione per la mobilità di ciechi e ipovedenti, che sarà disposta lungo tutta via Lanza in prossimità dei negozi, sarà realizzata in lastre in marmo di Carrara scanalate.

 

L’intervento non prevede il rifacimento della rete dei sotto servizi, ma un adeguamento dell’impianto di smaltimento delle acque meteoriche in base alla nuova sistemazione della pavimentazione. Per i chiusini e le caditoie preesistenti sarà previsto un intervento di messa in quota rispetto alla nuova pavimentazione e di integrazione con la stessa. Saranno infatti impiegati chiusini a riempimento con copertura dello stesso materiale della pavimentazione e caditoie in pietra bianca.  Nei casi in cui le nuove aiuole andranno a coincidere con i chiusini e con le caditoie preesistenti, questi ultimi saranno messi in quota e realizzati in ghisa sferoidale.

Le pendenze della strada saranno organizzate in modo tale da far convogliare l’acqua piovana lungo i canali in pietra di Apricena prima descritti e quindi all’interno delle aiuole.

Il sistema del verde consisterà nello sviluppo di 76 aiuole, inquadrate all’interno della fascia di pavimentazione in pietra di Apricena larga 1,20 m e ricavate dall’ampliamento delle aiuole preesistenti e dall’inserimento di nuove. Le 49 alberature già presenti saranno conservate e ne saranno inserite 27 nuove. All’interno di ogni aiuola sarà inserita una pianta di arbusto. A delimitare le aiuole in corrispondenza del lato lungo saranno montati dei cordoli in pietra calcarea locale alti 10 cm e larghi 2,40 m. Sempre in corrispondenza dei lati lunghi delle aiuole, ed in base alle attività commerciali presenti, saranno inserite delle panche in pietra ricostruita dalle dimensioni di 240x50x50 cm (per un totale di 46 pezzi).

In previsione di una futura dotazione di impianto di illuminazione è stata prevista la predisposizione al di sotto della pavimentazione di un corrugato in PVC per l’alimentazione elettrica, parallelo alla fascia delle panchine e delle aiuole (per una lunghezza complessiva di 407 m).

Tra le lavorazioni è previsto il ripristino della pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso, per un totale di 140 mq, in corrispondenza delle aree di raccordo tra l’area pedonale e le strade carrabili circostanti e in particolare della piccola area di parcheggio inserita.
Per il deposito delle bici saranno utilizzati degli elementi portabici in acciaio zincato dalle dimensioni di 80x6x9 cm, in totale 24 pezzi.

Per la raccolta dei rifiuti saranno predisposti lungo l’intera via 6 gruppi da 4 cestini rettangolari in lamiera con quattro colorazioni differenti dei ferma sacco in base alla tipologia di rifiuto (vetro, plastica, carta, generico).

MATERIALI