Certificazioni Anagrafiche Correnti

Normativa di riferimento

L.24/12/1954 n. 1228 D.P.R. 30/05/1989 n. 223

L’Ufficio Anagrafe rilascia ai cittadini iscritti all’A.P.R. (Anagrafe Popolazione Residente) e all’A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) i seguenti certificati:

  • Residenza;
  • Stato di famiglia;
  • Stato libero;
  • Vedovanza;
  • Decesso (validità illimitata);
  • Esistenza in vita;
  • Cittadinanza italiana;
  • Nascita;
  • Matrimonio;
  • Emigrazione;
  • Irreperibilità;
  • Cumulativo per uso matrimonio;
  • Stato di famiglia e residenza storica.

DAL 1° GENNAIO 2012 A SEGUITO DELLA MODIFICA INTRODOTTA DALLA LEGGE 12-11 2011 n. 183.( LEGGE DI STABILITA’), I CERTIFICATI ANAGRAFICI POTRANNO ESSERE RILASCIATI PER IL SOLO UTILIZZO DI RAPPORTI PRIVATI.LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E I GESTORI DI SERVIZI PUBBLICI SONO TENUTI AD ACCETTARE LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE.

COSTO :

• € 0,52 di diritti di segreteria + marca da bollo di € 16,00;

• € 5,16 di diritti di segreteria + marca da bollo di € 16,00;

per il rilascio dei certificati di residenza storica, riguardanti cittadini emigrati, irreperibili.

INFORMATIVA per l’AUTOCERTIFICAZIONE

Normativa di riferimento: D.P.R. del 28/12/2000 n.445 art.46.L’Autocertificazione è una dichiarazione resa e firmata dall’interessato, può riguardare stati, fatti e qualità personali.Il cittadino ha la possibilità di presentare agli Uffici della Pubblica Amministrazione, ( Comuni, Regioni, Ministeri, Camere di Commercio, Istituti Scolastici, ecc…) e ai gestori di pubblici servizi (Enel, Telecom, Amgas, Ferrovie, Poste, Scuole Private, ecc…) l’Autocertficazione , che sostituisce il normale certificato attestante le seguenti circostanze:

  • Data e luogo di nascita, residenza, cittadinanza;
  • Godimento dei diritti civili e politici;
  • Stato civile (celibe/nubile – coniugato/a – vedovo/a – già coniugato/a;
  • Stato di famiglia;
  • Esistenza in vita;
  • Nascita del figlio;
  • Decesso del coniuge, dell’ascendente o del discendente;
  • Posizione agli effetti degli obblighi militari;
  • Iscrizione in albi o elenchi tenuti dalla pubblica amministrazione;
  • Titolo di studio o qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
  • Esami sostenuti;
  • Situazione reddituale ed economica, anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
  • Assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto;
  • Possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria;
  • Stato di disoccupazione;
  • Qualità di pensionato e categoria di pensione;
  • Qualità di studente o di casalinga;
  • Qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
  • Iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo
  • Di non aver riportato condanne penali;
  • Tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile.

Non possono essere autocertificati i seguenti documenti: certificati medici, sanitari, veterinari – certificati di conformità alla normativa dell’Unione Europea – certificati relativi a marchi e brevetti.