Settimana al Teatro “Giordano”: prosa, musica, opera e teatro per ragazzi

Settimana intensa per il Teatro comunale “Umberto Giordano” di Foggia che -oltre alle due serate di prosa, mercoledì 17 e giovedì 18 con “Signori… Le paté de la maison”- ospiterà diversi importanti eventi musicali.
Si parte lunedì 15, con il quarto appuntamento della stagione 2015/’16 di “Assaggi di Musica”, che propone il “Gran Galà Lirico” (Ingresso ore 20, sipario ore 20.45), nel quale saranno impegnati un centinaio tra solisti, coristi e orchestrali, diretti dal maestro Luciano Fiore. I solisti saranno i Soprani Ripalta Bufo e Antonia Terracciano e il Baritono Carlo Provenzano: tre cantanti che stanno ottenendo successi e consensi nel panorama lirico italiano.
In programma, arie, cori e ouverture tra i più famosi della lirica:
George Bizet da Carmen, “Ouverture” (Orchestra)
George Bizet da Carmen, “Toreador” (Baritono Carlo Provenzano)
Wolfgang Amadeus Mozart da Il Flauto Magico, “Der Holle rache” (Soprano Ripalta Bufo)
Vincenzo Bellini da Norma, “Casta diva” (Soprano Antonia Terracciano)
Giuseppe Verdi da La traviata, “Coro di Zingarelle e Mattadori” (Coro)
Gioacchino Rossini da Il Barbiere di Siviglia, “Una voce poco fa” (Soprano Ripalta Bufo)
Pietro Mascagni da Cavalleria rusticana, “Inneggiamo, il Signor non è morto” (Soprano Antonia Terracciano e Coro)
Gioacchino Rossini da Il Barbiere di Siviglia, “Largo al factotum” (Baritono Carlo Provenzano)
Giuseppe Verdi da Nabucco, “Va pensiero” (Coro)
Giuseppe Verdi da Aida, “Inno e Marcia trionfale” (Coro)
Giacomo Puccini da Bohéme, “Mi chiamano Mimì” (Soprano Antonia Terracciano)
Giacomo Puccini da Turandot, “Finale” (Soprano Ripalta Bufo e Coro)

Martedì 16 (ingresso ore 20.30, sipario ore 21), appuntamento con la 46^ Stagione Concertistica degli “Amici della Musica” di Foggia, che prevede il concerto-spettacolo dedicato a Fryderyk Chopin e intitolato “Il mio cuore a Varsavia”. Sul palco del “Giordano”, la grande pianista napoletana Paola Volpe (per il curriculum artistico, http://www.paolavolpelemuse.it/) e la brava attrice di origine siciliana Marina Sorrenti (curriculum all’indirizzo web http://www.associatilara.com/uploads/artists/CV%20SORRENTI%20MARINA%20pdf.pdf).
Chopin, la sua infanzia, i giochi, l’estro creativo, la malattia, il patriottismo, la musicalità poetica, i suoi amori, l’esilio a Parigi, la famiglia, i successi, il timore del pubblico, le amicizie, George Sand, le paure, tutto viene evocato attraverso i ricordi e le lettere, dalla singolare figura della sorella maggiore di Fryderyc, Ludwika (interpretata da Marina Sorrenti), e da alcune tra le composizioni più celebri di Chopin suonate dalla pianista Paola Volpe. Le Mazurche, i Preludi, gli Studi, i Valzer, i Notturni creano un arco emotivo che accompagna il viaggio attraverso la vita del musicista fino al desiderio ultimo: “Quando questa terra mi soffocherà vi scongiuro di fare aprire il mio corpo perché io non sia sotterrato vivo…”.
Sarà la sorella a raccogliere l’ultima volontà di un corpo ormai affaticato dalla malattia, e a portare con sé metaforicamente e realmente il cuore del compositore da Parigi all’amata Polonia.

Sabato 20 febbraio (ingresso ore 20.30, sipario ore 21), l’Associazione Musicale “Bel Canto”, nell’ambito della stagione “Invito all’Opera”, propone l’allestimento semiscenico de “Il Filosofo di Campagna”, dramma giocoso in tre atti di Baldassarre Galuppi, su libretto di Carlo Goldoni. Ancora una bella proposta musicale del sodalizio culturale e artistico foggiano che, in collaborazione con il Piccolo Teatro, divulga la conoscenza di veri capolavori, alle volte meno conosciuti e rappresentati, del repertorio lirico italiano ed internazionale. Al mattino, è in programma uno spettacolo dedicato esclusivamente alle scuole.
Domenica 21, alle ore 17, proseguono gli appuntamenti con “La scena dei ragazzi”, cartellone di spettacoli teatrali per i più piccoli organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e l’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia. Sul palcoscenico del Teatro “Umberto Giordano”, è in programma la commedia “Cenerentola”, allestita dalle compagnie “Factory- Compagnia Elektra-TIR Danza”.
“Al tempo della fiaba tutto era praticamente come oggi. Invidie e gelosie all’interno del nucleo familiare, ma anche un mondo, che presto può rivelarsi diverso da com’è o come dovrebbe essere, un mondo dove madri spregiudicate sono disposte a tutto pur di “arraffare” tutto quello che si può e che non si può ottenere, manipolando le figlie come marionette per raggiungere i propri fini. Un mondo di figlie ammaestrate, viziate e sorde nel comprendere e accettare l’altro, non l’altro lontano… quello che non si conosce, ma l’altro in casa propria, la sorella(stra) più piccola, senza cipolle ai piedi, leggera e morbida come una piuma. E’ la storia di un incontro, di un riscatto, di un ritrovarsi, di un capirsi anche con una lingua, quella della danza, che è fatta di parole che, per essere dette, non hanno bisogno della voce”.