Solidarietà del sindaco di Foggia al primo cittadino di Torremaggiore, vittima di un grave atto intimidatorio

«Sono vicino a Costanzo Di Iorio sia da un punto di vista umano che istituzionale per il grave atto intimidatorio subito l’altro ieri». Così il sindaco di Foggia, Franco Landella, esprime solidarietà al primo cittadino di Torremaggiore, contro il quale, nella serata di lunedì, sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco mentre si trovava all’interno della propria automobile. «Il vile gesto compiuto ai danni del sindaco di Torremaggiore – fa sapere Landella –, necessita di una reazione immediata di forte, totale solidarietà sotto il profilo personale e di altrettanto decisa, risoluta controffensiva civica sul piano della difesa dei principi della legalità, anche perché i sindaci rappresentano il primo baluardo a difesa della legalità. I primi cittadini sono i soggetti istituzionali che meglio ed in modo più efficace rappresentano le istanze di un territorio alle prese con notevoli difficoltà e diffuse emergenze sociali, e spesso si ritrovano soli a far fronte alle esigenze della comunità. Come amministratori, classe politica, istituzioni e società civile – spiega il primo cittadino di Foggia – dobbiamo più che mai essere compatti nel combattere ogni forma di criminalità e di angheria, e nel riaffermare il rispetto della legalità, confermando la ferma condanna di quanto accaduto al sindaco di Torremaggiore. Spero che gli inquirenti possano individuare celermente i responsabili di questo fatto grave e sconcertante, e che possa trattarsi dell’azione isolata di un balordo. A Costanzo Di Iorio, alla sua famiglia ed alla parte sana della Città di Torremaggiore va tutta la mia vicinanza in questo particolare momento».

"Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso."

Leggi