Una mostra antologica di Ubaldo Urbano

Sarà inaugurata, questo pomeriggio, alle ore 18, nel Museo Civico di Foggia, la mostra antologica intitolata “Ubaldo Urbano-Pittore Mediterraneo” e dedicata alle opere dell’artista foggiano.
L’evento gode del patrocinio del Comune di Foggia e sarà aperto al pubblico fino al 4 dicembre prossimo (Orari: da martedì a domenica, ore 9-13; il martedì e il giovedì, anche il pomeriggio, dalle 16 alle 19).
Il catalogo riporta, nell’introduzione, un lusinghiero spunto critico dedicato a Urbano da Dacia Maraini, che ebbe modo di conoscere ed apprezzare le opere del Maestro, ma anche un contributo di Vittorio Sgarbi.
Oltre all’autore, parteciperanno all’inaugurazione il sindaco di Foggia Franco Landella e l’assessore comunale alla Cultura Anna Paola Giuliani, Le oltre 70 opere della mostra saranno esposte nella “Sala Diomede” del Museo Civico di Foggia, ma anche negli ambienti della pinacoteca. Saranno presenti temi e tecniche abituali di Ubaldo Urbano ma anche nuove sperimentazioni.

Ubaldo Urbano (Foggia, 1941) è stato docente di disegno dal vero presso l’Istituto Statale d’arte di Foggia. La sua prima mostra personale è del 1962, presso il Palazzetto dell’arte di Foggia. Confortato dal consenso della critica allestisce numerose mostre nelle più importanti città italiane. Dal 1990 comincia ad esporre anche all’estero, con mostre a Chameliers, New York, Osaka (Museo Tennoij), Budapest, Siviglia, Bruxelles. Nel 1991 tiene una mostra personale a Palazzo Barberini a Roma con catalogo a firma di Michele Prisco. Nel 1996 espone all’Expo Arte di Bari, dove le sue opere vengono apprezzate da Vittorio Sgarbi, che nel 1998 firmerà il catalogo della sua personale al Palazzetto dell’Arte di Foggia. Sgarbi chiarisce il senso della pittura di Urbano: un’arte che “proviene da una salda coscienza della figurazione di questo secolo” e da quelle esperienze “che hanno cercato di coniugare il concetto di classicismo con quello di modernità”.
Nel 2002 la Provincia di Foggia gli organizza una grande retrospettiva per i suoi quarant’anni di attiv¬ità con catalogo firmato da Gaetano Cristino. Altra importante retrospettiva gli viene dedicata, alcuni anni dopo, dalla Fondazione Banca del Monte di Foggia (la prefazione del catalogo fu scritta da Livia Semerari). Nel 2010 espone a Seattle (USA) e l’anno succes¬sivo viene invitato alla Biennale di Venezia, 54^ Esposizione internazionale d’arte, Padiglione Italia. Sue opere figurano in importanti musei e pinaco¬teche, tra cui, a Foggia, la Galleria provinciale d’arte moderna e contemporanea e la Pinacoteca comunale “9Cento”.