Vertice in videoconferenza con Bruxelles sul futuro dell’aeroporto “Gino Lisa”, il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella

«L’esito dell’incontro tenuto questa mattina segna un punto importante a favore di una risoluzione positiva della vertenza relativa all’allungamento della pista dell’aeroporto “Gino Lisa” e, dunque, alla sua piena operatività. Si è trattato di un vertice dal carattere operativo e strettamente ancorato ai temi della concretezza, oltre che caratterizzato da una sintonia che è il coronamento di un lungo lavoro in cui il Comune di Foggia, anche quando ha espresso nel contradditorio posizioni aspre, ha voluto recitare un ruolo cerniera tra gli attori istituzionali, economici ed associativi, come dimostra l’istituzione della Cabina di Regia cui abbiamo dato vita nei mesi scorsi a Palazzo di Città proprio per affrontare in un clima di collaborazione i nodi e le complessità via via emerse nel percorso di questa vicenda.
Desidero ringraziare gli assessori regionali Raffaele Piemontese, Leonardo Di Gioia e Giovanni Giannini, l’Amministratore Unico della società Aeroporti di Puglia, Giuseppe Acierno, il presidente della Camera di Commercio di Foggia, Fabio Porreca, e tutti coloro i quali hanno preso parte attivamente alla riunione odierna per aver costruito insieme questo momento di chiarimento tecnico e di ripartenza verso l’obiettivo comune del potenziamento dello scalo aeroportuale della Capitanata. Un grazie sincero va, ovviamente, anche a tutto l’universo dell’associazionismo che ha tenuto e continua a tenere alta l’attenzione su un tema cruciale per la crescita e lo sviluppo del territorio.
Il ritiro della notifica a Bruxelles inerente la compatibilità dell’utilizzo del fondi Fas per l’allungamento della pista con le norme comunitarie in materia di aiuti di Stato, da parte della Regione Puglia, e la sua riformulazione sono con ogni evidenza un cambio di passo che proietta l’interlocuzione con la Commissione Europea lungo una strategia nuova.
Da questo punto di vista, l’eventuale ottenimento del Servizio di Interesse Economico Generale (SIEG), per il quale fondamentale sarà l’assistenza annunciata dalla  Direzione Generale della Concorrenza della Commissione Europea, è chiaramente l’obiettivo al quale tendere nella definizione della nuova versione della notifica, anche per la possibilità di ricevere, attraverso questa strada, un sostegno completo all’allungamento della pista e all’attivazione di tratte di collegamento. Proprio in quest’ottica appare di straordinaria rilevanza la disponibilità offerta dagli uffici di Bruxelles ad anticipare il giudizio sulla nuova versione della notifica, in modo da consentire di organizzare le procedure pubbliche che la legislazione italiana impone per la selezione del soggetto privato che cofinanzi il 25 per cento dell’opera.
Ora occorre difendere l’unità di intenti maturata in questi mesi e declinata in chiave operativa nella videoconferenza di oggi, cominciando rapidamente il percorso concordato con la Commissione Europea».