Collegamenti ferroviari sulla tratta Foggia-Roma, dichiarazione del sindaco di Foggia, Franco Landella

“Ancora una volta la programmazione di Trenitalia sembra essere dettata da una logica incomprensibile, che penalizza gratuitamente la Capitanata, in particolare sulla tratta che collega Foggia a Roma. Un copione che ormai ciclicamente si ripete e che rende nuovamente necessaria una mobilitazione del territorio. Non posso che essere concorde con le voci – su tutte quelle del presidente della Provincia, Nicola Gatta, e del presidente della Camera di Commercio, Fabio Porreca – che in queste ore si sono levate contro la decisione di Trenitalia di potenziare con due nuove corse la tratta Bari-Roma, senza che queste prevedano una fermata alla stazione di Foggia e, soprattutto, senza potenziare affatto il parco corse della Capitanata verso la capitale. È di tutta evidenza che si tratta di una strategia di cui si stentano a capire le ragioni e che esige un chiarimento urgente.
La questione relativa ai collegamenti ferroviari con Roma, come si ricorderà, è da tempo una vertenza aperta sul fronte della mobilità. Negli incontri che nel recente passato il partenariato istituzionale, economico e sociale del territorio aveva tenuto con i vertici di Trenitalia ci erano state consegnate assicurazioni circa una migliore attenzione nei confronti delle esigenze della Capitanata. Anche in ragione della funzione che Foggia esercita nei confronti di bacino di utenza extraregionale. Le notizie degli ultimi giorni, invece, sembrano muoversi in una direzione del tutto opposta a quella che avevamo auspicato e sostenuto. Nelle prossime ore mi farò promotore di una richiesta di incontro ai vertici di Trenitalia per formalizzare una doverosa protesta e per chiedere correttivi rispetto al piano annunciato.
Il tema della mobilità resta centrale per lo sviluppo e per la crescita della Capitanata. Così come risulta fondamentale comprendere, in modo limpido ed esplicito, quale sia la volontà del Governo rispetto a progetti decisivi, su tutti la realizzazione della seconda stazione ferroviaria AC/AV, su cui si è sviluppato in questi anni in meticoloso lavoro progettuale portato avanti con l’allora Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e con RFI, di cui l’Amministrazione comunale è stata protagonista attiva. Intendiamo sapere se il nuovo esecutivo intende confermare quegli impegni, anche sul fronte finanziario, o se, come filtrato nelle ultime ore, è orientato a disconoscerli e modificarli. Il Ministro Danilo Toninelli, al quale solleciterò l’immediata apertura di un tavolo di confronto con il territorio, ha il dovere di definire senza equivoci quello che appare con ogni evidenza un punto cruciale”.

"Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso."

Leggi